31/Mar/17
Portugal

Carla Barros and Luis Vilanova, Mérieux NutriSciences_Portugal

Portogallo – Informazioni sulla carne di origine brasiliana

Alcuni dati sull'esportazione del 2016
Mérieux NutriSciences_BrasilianMeat

A seguito degli esiti delle indagini del Ministero brasiliano dell’Agricoltura su 21 stabilimenti che producono carne e che risultano implicati in casi di frode, 3 sono stati posti sotto ispezione speciale e quattro sono stati autorizzati ad esportare nell’Unione Europea.Tale frode consiste presumibilmente nel pagamento di tangenti agli ispettori federali affinché approvassero i prodotti senza averli verificati.

In totale, nel corso del 2016, dal Brasile sono stati esportati 853.000 lotti di prodotti di origine animale di cui 184 sono stati dichiarati “non soddisfacenti” (0,02%) dalle autorità dei Paesi importatori: la motivazione di ciò non era di natura sanitaria, ma di etichettatura e certificazione.

Sempre nel 2016, il Portogallo ha ricevuto 363 lotti di prodotti di origine animale e tutti sono stati sottoposti a controlli documentali e di identità nei punti di ispezione frontalieri. Fino ad oggi, il Paese non aveva rilevato alcuna non conformità inerente questo problema.

Nell’Unione Europea, qualsiasi controllo all’importazione che si traduca in risultati “non soddisfacenti” diventa una notifica al RASFF (Rapid Alert System for Food and Feed) che impone l’automatico rafforzamento delle misure di controllo nei punti di ispezione alle frontiere europee. Quando si identifica un lotto “non soddisfacente”, i prodotti non sono autorizzati a entrare nel mercato europeo e sono immediatamente distrutti o rispediti all’origine se questa è la volontà dell’esportatore e solo nei casi in cui non sussista un rischio sanitario.

Fonti: DGAV e ASAE

Hai bisogno di ulteriori informazioni?

CONTATTACI!

T: +39 045 82 83 311
E: regulatory.services@mxns.com

Desideri essere ricontattato?

*
To prevent automated spam submissions leave this field empty.
*
*